Template Tools
Sabato, 02 Dicembre 2023
Pecco il più forte sulla moto più forte PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Notizie - Sport
Martedì 22 Agosto 2023 09:56


MotoGp, orgoglio e monotonia made in Italy

22 Agosto 2023 - 06:00

Pecco il più forte sulla moto più forte. All'Aprilia manca solo uno come lui


 

Ascolta ora: "MotoGp, orgoglio e monotonia made in Italy"

Tre Ducati e tre piloti italiani nei primi quattro posti. L'orgoglio nazionale è alle stelle, il nostro motociclismo ha di che essere fiero. Ma la MotoGP a senso unico di oggi non è che dispensi grande entusiasmo. Bagnaia è forte, fortissimo, e conferma di meritare appieno il numero uno sulla carenatura con prestazioni superlative. In Austria ha sfoggiato la tripletta che chiude la bocca a tutti: pole position, gara sprint e GP della domenica. Zitti e a casa. Il campione è in stato di grazia e il suo feeling con la Ducati ufficiale alle stelle. Come accade spesso, il pilota migliore guida la moto migliore e non è facile stargli davanti. Soprattutto quando la possibilità di tenergli testa - salvo rare eccezioni - è esclusiva dei compagni di marca. Honda e Yamaha non pervenute: i grandi costruttori del Sol Levante per decenni protagonisti della classe regina arrancano mestamente ed i loro campioni sono ridotti a comparse: Fabio Quartararo incassa la bellezza di 20 secondi dal vincitore, mentre Marc Marquez, il terrore della MotoGP, finisce addirittura fuori dai dieci con una Honda che nessuno riesce a guidare. La Casa costruttrice numero uno al mondo è un gigante dai piedi di argilla, il suo reparto corse non è più la fabbrica dei sogni da corsa, ma una armata Brancaleone sempre più in imbarazzo al cospetto di prestazioni sottotono che costringono i piloti a strafare e cadere.

L'Aprilia vincitrice a Silverstone con Aleix Espargaro è la conferma di come le MotoGP italiane abbiano superato le giapponesi ma a Noale non hanno un Bagnaia capace di assicurare prestazioni top e costanza di rendimento. Il povero Oliveira continua ad essere bersagliato dalla sfortuna e Maverick Viñales fa sempre più spesso pensare che non sboccerà mai. Ha buttato al vento due partenze in prima fila con annessa fine di sogni/illusioni. Sulla pista di casa, che porta il nome del suo sponsor la KTM si è presa il secondo posto con Brad Binder fresco di rinnovo del contratto, ma per trovare la seconda moto austriaca in classifica bisogna scendere fino al quattordicesimo posto.

Non c'è niente da fare, l'equilibrio di prestazioni è esclusiva della Ducati. Le altre moto vanno una volta un po' meglio e una un po' peggio, talvolta possono perfino eccellere, ma la regola è che se non guidi una moto di Borgo Panigale il più delle volte fai la lingua lunga. Fino a nuovo ordine ci aspetta un campionato monomarca. Gratificante per noi italiani ma - va da sé - anche un po' monotono.

 Fonte: https://www.ilgiornale.it/news/sport/motogp-orgoglio-e-monotonia-made-italy-2199534.html

Avatar di Stefano SaragoniStefano Saragoni

 

Ultime Notizie

L'Italia vince la seconda Coppa Davis
Coppa Davis, il pagellone dei protagonisti: Sinner delle... Leggi tutto...
Bagnaia è campione del mondo
MotoGP Valencia, cade Martin e Bagnaia è campione del... Leggi tutto...
WORLD COMBAT GAMES
Comunicato stampa 27 ottobre 2023     WORLD COMBAT GAMES: a Riyadh la... Leggi tutto...
Alfa Revival Cup 2023
Alfa Revival Cup 2023 Per la prima stagionale gli... Leggi tutto...
Youngtimer Cup 2023
Youngtimer Cup 2023 Il Mugello ha ospitato il primo... Leggi tutto...

Rivista La Gazzetta

 
Edizione 41
La Gazzetta 41
 

40 | 39 | 38 | 37 | 36 | 35 | 34 | 33 | 32

31 | 30 | 29 | 28 | 27 | 26 | 25 | 24 | 23

22 |