Template Tools
Giovedì, 16 Settembre 2021
Processo Castello: Biagi rinuncia all’incarico in Regione. PDF Stampa E-mail
Scritto da Giuseppe Arno   
Giovedì 26 Luglio 2012 05:56


Firenze– “Con correttezza formale e sostanziale, per evitare qualsiasi polemica e pur con amarezza, il dottor Gianni Biagi, con lettera protocollata che metto a disposizione, ha manifestato la volontà di non occuparsi più dell’incarico di responsabile del progetto sulle buone pratiche per gli uffici giudiziari. Preciso comunque che sono venuto a conoscenza dell’incarico affidato a Biagi solo dal testo presentato dal gruppo PdL”. Così il governatore della Toscana Enrico Rossi ha risposto all’interrogazione di Giovanni Donzelli (Pdl) nella quale si chiedeva, tra l’altro, se è “corretto che un uomo sotto processo per corruzione, concussione e turbativa d’asta sia responsabile della gestione di quasi 67 milioni di euro di fondi pubblici e di scelte delicate come l’accreditamento delle agenzie di formazione”; ma anche per “conoscere il motivo per cui la Regione non abbia ritenuto, a scopo cautelativo, di attribuirgli temporaneamente un incarico di studio, in alternativa a un ruolo dirigenziale gestionale con responsabilità di una così ingente mole di fondi pubblici”.

“Nella lettera protocollata inviata da Biagi – ha evidenziato Rossi – si precisa che dalla nomina di Francesco Maradei a presidente della II Sezione Penale ogni incontro è stato sospeso”. “Questo a dimostrazione – ha continuato il governatore – dello spirito di servizio di Biagi e della assoluta correttezza dei rapporti con la stessa Regione che, peraltro, non ha esitato reagendo con tempestività su quanto veniva dichiarato nell’interrogazione e attivandosi per fare chiarezza”.

Dura la replica di Donzelli: “Certamente gli uffici regionali erano a conoscenza del fatto. Forse lei, presidente, poteva non saperlo. Sono comunque soddisfatto del ruolo che l’opposizione riesce a svolgere, informando il governatore di fatti che evidentemente un difetto di comunicazione non riesce a veicolare”.

Nel testo dell’interrogazione si ricorda inoltre che alcuni degli incarichi sono stati attribuiti dalla Regione a Biagi, tre giorni dopo le dimissioni dal ruolo di assessore in Palazzo Vecchio, che lo stesso Biagi aveva presentato in seguito al coinvolgimento nell'inchiesta di Castello. “Tutti gli incarichi dirigenziali conferiti a Biagi – ha osservato Donzelli – sono sotto la firma e la responsabilità di Ugo Caffaz, capogruppo degli allora Ds in Comune a Firenze proprio negli anni in cui Biagi era assessore”.

 
nove.firenze.it
 

Ultime Notizie

Fondazione Friends of Florence
Conto alla rovescia per il restauro della Deposizione di Rosso fiorentino nel... Leggi tutto...
Elisa Morucci a Venezia
Elisa Morucci www.elisamorucci.com ... Leggi tutto...
The Brass Group in scena a Firenze
FONDAZIONE THE BRASS GROUP   Dante in Jazz – Note dall’Inferno... Leggi tutto...
Firenze rende omaggio a Dante e a Fabrizio De André
Firenze il 10 settembre rende omaggio a Dante e a Fabrizio De André con... Leggi tutto...
La buona lettura
Catarsini: il romanzo Giorni neri torna nei... Leggi tutto...

Rivista La Gazzetta

 
Edizione 41
La Gazzetta 41
 

40 | 39 | 38 | 37 | 36 | 35 | 34 | 33 | 32

31 | 30 | 29 | 28 | 27 | 26 | 25 | 24 | 23

22 |