Template Tools
Martedì, 28 Maggio 2024
Survival News 06.11.23 PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Notizie - Ambiente
Lunedì 06 Novembre 2023 17:09


Comunicato stampa di Survival International

Il governo del Kenya sfratta illegalmente gli Ogiek dalla loro foresta ancestrale durante la visita di stato di Re Carlo

6 novembre 2023

Una abitazione ogiek incendiata durante gli sfratti illegali e brutali compiuti dalle autorità keniote. © Anon


Durante la visita di stato di Re Carlo in Kenya, la scorsa settimana, nella foresta di Mau le autorità locali hanno dato il via al brutale sfratto degli
Ogiek dalle loro case.

In collaborazione con la polizia keniota, i ranger del Servizio Forestale e del Servizio per la fauna selvatica del Kenya stanno sfrattando illegalmente fino a 700 Ogiek dalle loro case, e il tutto nel nome della conservazione della natura. Video e immagini mostrano abitazioni degli Ogiek distrutte – alcune persino rase al suolo dalle fiamme.

Si dice che i guardaparco stiano anche costringendo gli Ogiek ad abbattere le case da loro stessi, in modo da poter dichiarare che le comunità se ne stanno andando volontariamente.

“Vogliamo che Re Carlo dica al Presidente del Kenya di ‘rispettare la legge. Gli Ogiek di Mau devono ottenere i loro diritti territoriali’” ha dichiarato venerdì Daniel Kobei, portavoce degli Ogiek e direttore del Programma di Sviluppo per il popolo Ogiek (OPDP). Gli Ogiek “vivono nella paura più assoluta, non hanno nessuno a cui rivolgersi” ha aggiunto Kobei.

L’OPDP ha descritto gli sfratti come una “crisi umanitaria”. Gli anziani del popolo Ogiek hanno cercato di dialogare con enti governativi per fermare gli sfratti, ma senza successo. Alcuni sostengono che gli sfratti siano collegati al mercato dei crediti di carbonio che il governo del Kenya ha promosso nel recente Africa Climate Summit 2023.

Elisabeth Tabinoy, donna Ogiek, di fronte ai resti della sua casa, abbattuta e bruciata durante un precedente sfratto. Ngongeri, Njoro, Kenya. © Lewis Davies/Survival

Negli anni, le autorità keniote hanno sfrattato più volte gli Ogiek, brutalmente e con violenza: hanno distrutto le loro case e le loro proprietà, e hanno persino ucciso gli Ogiek che cercavano di proteggerle. La terra degli Ogiek è stata ceduta a terzi e a politici complici, che hanno abbattuto gran parte della foresta per ricavarne profitti consistenti.

Di conseguenza, gli Ogiek si sono rivolti ai tribunali per far valere i loro diritti territoriali, e hanno vinto. I diritti territoriali degli Ogiek sulla Foresta Mau sono stati confermati da due sentenze storiche della Corte africana per i diritti dell’uomo e dei popoli (ACHPR). La sentenza del 2017 stabilì che il governo aveva violato i diritti territoriali degli Ogiek e ha riconosciuto esplicitamente il ruolo cruciale del popolo Ogiek nel conservare e proteggere la Foresta di Mau.

In piena violazione della sentenza ACHPR, il governo del Kenya ha però continuato a sfrattare le comunità ogiek dalla loro foresta. Gli Ogiek si sono quindi rivolti di nuovo alla giustizia e, nel 2022, la Corte Africana ha emesso una sentenza di risarcimento a favore degli Ogiek da parte del governo colpevole di non aver rispettato la sentenza ACHPR del 2017.

Gli Ogiek sono cacciatori raccoglitori e la loro popolazione si aggira tra i 20.000 e i 30.000 individui. Vivono sugli altopiani del Kenya centro-occidentale da tempo immemorabile. Alcuni di loro abitano nel folto della foresta, nonostante i tentativi governativi di limitare la loro caccia di sussistenza. Altri, invece, sono più stanziali, hanno coltivazioni e del bestiame.

L’amministrazione coloniale britannica sfrattò molte comunità Ogiek tra gli anni 1920 e 1940, senza alcuna consultazione o risarcimento, per creare aree di caccia e riserve forestali. Dall’indipendenza in poi, vari governi kenioti hanno continuato questa politica costringendo molti Ogiek a divenire “rifugiati della conservazione”.

Gli sfratti sono una tipica conseguenza della diffusione della “conservazione fortezza”: un approccio coloniale alla protezione dell’ambiente che tratta gli indigeni come una minaccia per la natura e li caccia dalle loro terre, che poi vengono militarizzate per impedirgli di rientrare – nonostante loro siano i migliori custodi del mondo naturale.

Survival International condanna le azioni illegali del governo del Kenya, gli sfratti e le persecuzioni contro gli Ogiek, e le violazioni delle sentenze dell’ACHPR. Esortiamo, inoltre, le autorità a rispettare la legge, a riconoscere i diritti di proprietà degli Ogiek sulle loro terre e a risarcire le comunità che hanno subito ripetuti attacchi e si sono visti distruggere delle loro proprietà.

 

 
 

Ultime Notizie

Survival News 15,12.23
Comunicato stampa di Survival International Il Congresso brasiliano rigetta il... Leggi tutto...
Survival News 30.10.23
Comunicato stampa di Survival International Indonesia: nuovo video mostra degli... Leggi tutto...

Rivista La Gazzetta

 
Edizione 41
La Gazzetta 41
 

40 | 39 | 38 | 37 | 36 | 35 | 34 | 33 | 32

31 | 30 | 29 | 28 | 27 | 26 | 25 | 24 | 23

22 |