Template Tools
Venerdì, 09 Dicembre 2022
Genesi. Spirito e Materia PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Notizie - Eventi
Martedì 15 Novembre 2022 18:54


 

Genesi. Spirito e Materia

Ana Biolchini, Flaminia Mantegazza, Luciana Pretta Fiore

 

A cura di Marianna Coscione e Damiana Enea

Finissage 18 novembre 2022 ore 18.00 - 21.00


Istituto Guimarães Rosa - Spazio Veredas

Ambasciata del Brasile



Piazza Navona 18 - Roma

 

Il giorno 18 novembre 2022 alle ore 18.00 presso Spazio Veredas, lo spazio espositivo dell'Ambasciata del Brasile all'interno dell'Istituto Guimarães Rosa in Piazza Navona, si svolgerà il finissage del progetto Genesi. Spirito e Materia di Ana Biolchini, Flaminia Mantegazza, Luciana Pretta Fiore a cura di Marianna Coscione e Damiana Enea

Nella collettiva Genesi. Spirito e Materia si assiste alla realizzazione di un domani, uno spazio siderale in grado di contenere la passionalità e la potenza di un’emotività illibata, incorrotta: i  materiali utilizzati -terracotta, carta e tela- trascendono dalla loro essenzialità per divenire elementi demiurghi in un rapporto dualistico natura/terra, inizio/fine.

“[...] Il mondo dopo la fine del mondo. Ed è da questo concetto che prendono vita le opere di Ana Biolchini, Flaminia Mantegazza e Luciana Pretta Fiore. Una diversità di molteplici e mutevoli identità in grado di inscriversi nell’assolutismo di una Genesi. Un’origine che prende vita dalla forma sensibile umana, che si pone la questione dei limiti del concetto di esperienza distruggendo le nozioni di etica e morale: un creazionismo che si eleva dal caos e si fa materia. Ed è a questo punto che Ana Biolchini ci invita a partecipare a questa rinascita attraverso un atto intellettuale consapevole, riflettendo la propria individualità nello specchio che come un richiamo viscerale attende il vergi- ne seme sospeso: duplicazione di una pluralità di anime che si restituiscono nello sguardo di un nuovo cosmo. Acqua e terra, le protagoniste nel rispetto della visione demiurga del Creato. Una natura in grado di fondersi in un nuovo ordine: la Terracotta diviene per Ana spirito e materia. Alla formazione di questa giovane umanità l’artista affida delle tavole di carta, in cui torna sovrano il richiamo al numero 6 – espresso nella linearità delle spirali – in un inizio e una fine in continuo divenire, come offerta di bellezza, compassione e gloria. Proprio all’alba di questa nuova Era si ergono possenti le colonne di Flaminia Mantegazza, cardini tra i due mondi che ci ricordano la non contemporaneità del presente. Edificate dalla memoria e dai vissuti dell’artista che ci ammonisce ed esorta a ridefinire la nostra visione di superfluo: pagine di vecchi libri, fogli di giornale, scontrini riacquistano autorità in una trascendenza corporea. Divengono fondamenta e sommità, in un colloquiare dove le parole si modellano fino a farsi concretezza – mattoni invalicabili – infinite nel tempo e nello spazio: abbandonano i confini conosciuti e cartografici, abbattendo le barriere della globalità, per divenire sinonimo di universalità. Così, la duttilità della carta si fa eterea e marmorea, un’archeologia dello gnomon nella sua accezione astronomica con il compito di indicare l’origine di un susseguirsi di stagioni rinnovate in un’ottica del tempo che si fa altro: evoluzione e rinascita, un riverbero che si ricostituisce nella singolarità di questa generazione agli esordi, circoscritta nell’iconografia del Quadrato, inteso come Creato in un rapporto dualistico cielo/terra, spirito/materia. Divenendo così, uno spazio siderale – ripristinato fin dai suo esordi – in grado di contenere la passionalità e la potenza di un’emotività illibata, incorrotta. Luciana Pretta Fiore si inserisce in tale necessità custodendo il dovere di educare questa umanità: rompe il silenzio sulle angosce finora celate, squarcia i terrori dell’infanzia, lacera la banalità dell’odio tutelandone la misericordia e la compassione soppresse che, ricompone tessendone i fili, in un climax discendente che ci riporta alla terra. Una tela intrecciata che scardina i preconcetti, invitandoci a non delimitare il nostro spirito indicandoci un orizzonte ancora ignoto. Colori tenui, in un susseguirsi di linee che si inseguono e si sovrappongono, in un gioco di ambivalenze che si risolvono in un equilibrio emotivo: una memoria primordiale che con grande forza di volontà si ricompone in un atteggiamento di esuberante quiete. Tre doni, tre donne, tre materiali: una triade genitrice che ci persuade a partecipare a questo nuovo domani, che troppo a lungo abbiamo solo osservato, come creature alla soglia.”
Damiana Enea

 

INFO

Genesi. Spirito e Materia
Ana Biolchini, Flaminia Mantegazza, Luciana Pretta Fiore

A cura di Marianna Coscione e Damiana Enea

Finissage 18 novembre 2022 ore 18.00
Istituto Guimarães Rosa - Spazio Veredas
Ambasciata del Brasile

Piazza Navona 18 - Roma

Orari: dal lunedì dal venerdì dalle 9.00 alle 21.00. 

Istituto Guimarães Rosa - Spazio Veredas
Ambasciata del Brasile

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
www.gov.br/mre/pt-br

 
Ultimo aggiornamento Martedì 15 Novembre 2022 18:58
 

Ultime Notizie

V edizione del Premio Ambiente e Società
  Si celebra sabato 10 dicembre 2022 alle 19 al teatro comunale di Priolo... Leggi tutto...
Premio Marche 2022
Segreteria logistica e organizzativa AMIA-Associazione Marchigiana... Leggi tutto...
Lo Spirito e il Luogo
Il Comune di Fossacesia (Ch) acquisisce l’opera dell’artista Morena... Leggi tutto...
Palermo Classica Winter con Ivo Pogorelich
Inaugurazione di Palermo Classica Winter con Ivo Pogorelich uno dei più... Leggi tutto...

Rivista La Gazzetta

 
Edizione 41
La Gazzetta 41
 

40 | 39 | 38 | 37 | 36 | 35 | 34 | 33 | 32

31 | 30 | 29 | 28 | 27 | 26 | 25 | 24 | 23

22 |