Template Tools
Mercoledì, 23 Settembre 2020
Referendum tagli parlamentari PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Notizie - Politica
Sabato 15 Agosto 2020 20:18

Respinti i ricorsi presentati per bloccarlo, il referendum per il taglio dei parlamentari si terrà il prossimo 20 e 21 settembre insieme alle regionali ed amministrative.

Erano stati presentati ben 4 ricorsi per bloccare il referendum sul taglio dei parlamentari. Uno addirittura dal Comitato promotore che sosteneva un conflitto di attribuzione tra i poteri del Comitato promotore stesso e quelli dello Stato.

Referendum taglio parlamentari

In ogni caso la Corte Costituzionale ha respinto tutti e 4 i ricorsi dichiarandoli inammissibili e confermando, quindi, che il referendum si terrà, come previsto, il 20 e 21 settembre.

Il referendum, quindi, come previsto si terrà in concomitanza delle elezioni regionali che coinvolgeranno Veneto, Val d’Aosta, Liguria, Toscana, Marche, Campania e Puglia e circa 1000 comuni per le elezioni amministrative.

La legge che si andrà a votare con il referendum, introdotta lo scorso anno, prevede la riduzione del numero di parlamentari e nello specifico: i deputati passerebbero dagli attuali 630 a 400 e i senatori da 315 attuali a 200 con una riduzione di 345 poltrone in Parlamento.

Perchè si deve votare per confermare la legge? Si tratta di una legge di modifica costituzionale che non ha ottenuto i due terzi dei voti nell’approvazione e, quindi, per entrare in vigore deve essere approvata dalla popolazione.

Il cammino burocratico di questo referendum, in ogni caso, è stato abbastanza travagliato: inizialmente previsto (ma, sottolineo, poco pubblicizzato) per la fine di marzo è stato rimandato a causa dell’emergenza COVID-19. Poi sono stati presentati i ricorsi per bloccarlo ma ora, fortunatamente, eliminato anche l’ultimo ostacolo è confermato per il 20 e 21 settembre.

Ora saranno i cittadini a votare e trattandosi di un referendum confermativo non avrà bisogno che la maggioranza degli elettori si rechino alle urne per essere valido (a differenza di quello abrogativo che richiede che alle urne si presentino almeno il 50% più 1 elettori).

I risultati dell’esito di consultazione popolare, quindi, si avrà dal conteggio dei SI e dei NO, indipendentemente da quanti italiani si presenteranno al voto: se vinceranno i SI saranno tagliate 345 poltrone dal Parlamento, se vinceranno i NO, invece, tutto resterà immutato.

Ovviamente se dovessero vincere i SI il taglio sarebbe attuato dalla prossima legislatura non potendo essere eliminati senatori e deputati eletti dal popolo (anche perchè quali si dovrebbero mandare a casa e quali, invece, dovrebbero restare?)

Fonte: https://www.notizieora.it/referendum-tagli-parlamentari-confermato-per-20-e-21-settembre-respinti-i-ricorsi/

Aiutaci a informarti meglio visitando il sito: www.rivista.lagazzettaonline.info


___________________________________________________________________________________________


La notizia  ci è stata comunicata pure da:

VINCENZO DE SANTIS
Capo Ufficio Cittadinanza
Stato Civile, AIRE, Elettorale, U.R.P.
 
Consolato Generale d´Italia
Rio De Janeiro
Avenida Presidente Antonio Carlos, 40
CEP 20020-010 - Rio de Janeiro (RJ)
www.consriodejaneiro.esteri.it


 

Ultimo aggiornamento Sabato 15 Agosto 2020 20:29
 

Ultime Notizie

Porta News
REFERENDUM: INIZIATIVA DEL “COMITATO PER IL NO” IN SUDAMERICA... Leggi tutto...
Sondaggi, la Lega avanza ancora...
È il primo partito a più del 34%     Continua a salire il consenso... Leggi tutto...
Fioramonti insulta sui social
Il centrodestra: "Si dimetta" Il ministro dell'Istruzione su Facebook... Leggi tutto...
Il valzer della crisi di governo
Trattative, colloqui, alleanze. Ecco cosa succede adesso Le consultazioni... Leggi tutto...
#IoNonStoConCarola
Ecco perché diciamo #IoNonStoConCarola   In questa vicenda non siamo allo... Leggi tutto...

Rivista La Gazzetta

 
Edizione 41
La Gazzetta 41
 

40 | 39 | 38 | 37 | 36 | 35 | 34 | 33 | 32

31 | 30 | 29 | 28 | 27 | 26 | 25 | 24 | 23

22 |