Template Tools
Domenica, 24 Giugno 2018
Emozioni come la pioggia a Bojano PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Notizie - Eventi
Mercoledì 27 Dicembre 2017 00:02
IL CAFFÈ LETTERARIO UMDI SI FA SPETTACOLO DI LETTERE, MUSICA, TEATRO, CANTO.

 
SOMMARIO
Mercoledì 27 dicembre 2017 alle 18.30 a Palazzo Colagrosso. L’iniziativa intende riportare in auge i Salotti Letterari che ruotavano attorno a donne di cultura. Un caleidoscopio di emozioni che ci riportano al dramma de La Tosca di Puccini e all’esaltazione de La Traviata di Verdi a commento dei brani tratti dal romanzo di Sabrina Izzi, con il tango dedicato agli Italiani in Argentina. E il giorno seguente, 28 dicembre, altri due eventi: la Tombolata alla C°asa di Riposo e il Natale Turchese al Centro Polifunzionale della Terza Età con la zampogna del Maestro Scioli.
 
 
Il Caffè Letterario Turchese si fa spettacolo: teatro, danza, bel canto, musica, lettere in un caleidoscopio di emozioni. La metafora della pioggia, che viene giù trasportando il grigio del cielo sugli uomini, è spunto per descrivere l’animo umano. Tristezza, solitudine, ma anche voglia di lottare, di credere in se stessi. Il romanzo di Sabrina Izzi, “Anche la pioggia nelle scarpe”, sarà protagonista dell’evento che si terrà Mercoledì 27 dicembre 2017 nell’aula universitaria di Palazzo Colagrosso alle ore 18.30, organizzato dal quotidiano internazionale Un mondo d’italiani, con il Centro studi Agorà, Servizio Civile Nazionale, Ippocrates, Casa Molise, Molise Noblesse e il Comune di Bojano.
 
La lettura drammatizzata dei brani letterari sarà intervallata da esecuzioni dal vivo. Tra gli altri “Libiamo ne' lieti calici” dalla scena del brindisi de “La traviata”, opera in tre atti di Giuseppe Verdi, basata su “La signora delle camelie”, opera teatrale di Alexandre Dumas (figlio); “Vissi d'arte” dall’opera “Tosca” di Giacomo Puccini,E lucevan le stelle”, sempre da “Tosca” di Puccini, opera liricarappresentata per la prima volta il 24 novembre 1887 a Parigi, il cui successo fu legato soprattutto all'interpretazione di Sarah Bernhardt.
 
Il Caffè Letterario Turchese nasce negli anni da un’idea di Mina Cappussi e rappresenta un connubio interessante, che lega istituzioni, organizzazioni di volontariato presenti sul territorio e un quotidiano internazionale che si è votato a quell’emigrazione italiana nel mondo pronta oggi a riprendersi quel ruolo di motore economico e sociale che gli compete. I protagonisti dell’evento saranno: Angela Vitullo (relatore); l’esperto d’arte Gennaro Petrecca (conduttore); Mariagrazia Petti (narratrice); Vittorio Del Cioppo (attore); Giuseppe Pirro (tenore) e Lucrezia Ciamarra (soprano).
 
Il Caffè si chiuderà con un carosello di Tango argentino, in onore di tutti i molisani lontani. Tra gli anni ’30 dell’Ottocento e gli anni ’50 del Novecento, 4 milioni di italiani emigrarono nella sola Argentina. Nel corso di questa lunga ondata migratoria, gli italiani, e gli argentini e uruguaiani di origine italiana furono tra i principali protagonisti della nascita del tango. Il sentimento di malinconia, così forte nel tango è legato alla storia dell’emigrazione: chi arrivava sognava di tornare a casa. Gli italiani emigrati in Argentina non hanno solo contribuito alla costruzione del Paese ma anche a quella di un ballo che è diventato sinonimo mondaile di seduzione e d’incanto, siglato da brani celebri di autori di origine italiana come Ignacio Corsini, Osvaldo Pugliese, Roberto Firpo, Anibal Carlmelo Troilo, Juan D’Arienzo fino a Astor Piazzolla. miscuglio di tante culture e strumenti musicali.
 
Introdotto da Mina Cappussi, giornalista e direttore del quotidiano internazionale Un Mondo d’Italiani, il convegno si aprirà con i saluti del sindaco di Bojano, Marco di Biase, e del consigliere delegato della cultura della Regione Molise, Nico Ioffredi.
 
“I nostri Caffè Letterari - sottolinea la Cappussi – sono dei veri e propri Salotti Culturali, tenuti essenzialmente da donne spesso appartenenti all’alta borghesia. Il primo celebre salotto letterario parigino fu quello aperto da Catherine de Vivonne de Rambouillet marchesa de Rambouilet (1588-1665), e il salotto di Madame Geoffrin che invitava celebrità letterarie e filosofiche come Diderot, Marivaux, Grimm, Helvétius. Ma la storia pullula di decine e decine di donne “salottiere” che hanno indirizzato e diretto la cultura. Si ricordano quelle in Francia, Germania, Austria, Svizzera, Gran Bretagna, e in Italia, quelle di Firenze, Milano, Napoli, Roma e Venezia”. Chiudiamo in bellezza questo 2017 denso di eventi stupendi e partecipati, con un appuntamento speciale a Palazzo Colagrosso, un Caffè Letterario Turchese che si veste di emozioni. L’atmosfera è quella natalizia, con un brano sull'arrivo del momento clou della cristianità, tra vetrine scintillanti, alberi decorati, regali, auguri, e la semplicità e povertà di un bimbo nato in una mangiatoria. Partiremo da quello per scavare dentro e tirare fuori le emozioni più profonde!”
 
Appuntamento, dunque, giovedì 27 dicembre 2017, dalle 18.30, a Palazzo Colagrosso a Bojano. Ingresso libero.
Il giorno successivo, 28 dicembre, altri due eventi Umdi: la Tombolata di Natale alla Casa di Riposo alle 10.30 e la Tombolata di Natale al Centro Polifunzionale della Terza Età alle 16.00. Arriverà Babbo Natale e a sorpresa la zampogna del Maestro Scioli. Due giorni da non perdere!
 
 
 
 
La trama del romanzo “Ache la pioggia nelle scarpe”
È dagli immensi vigneti di Borgo dei Carpini che si diramano le storie di tre generazioni a confronto, appartenenti al nobile casato dei Ludovisi Belfiore. Tre generazioni che vivono vite completamente diverse, seppure unite dallo stesso desiderio di amare ed essere amate. Il capostipite della famiglia, don Armando, è a capo di un enorme impero economico nel mondo della produzione vinicola. E tra i filari d’uva della California, del Messico e della Toscana, si svolge la storia della famiglia, strettamente legata alle tre tenute La Soledad, El Paraiso e Borgo dei Carpini. I Ludovisi Belfiore si ritrovano in ogni momento a fare i conti con il proprio passato e, mentre Perla, la giovane intraprendente che, presto, col fratello Ari, prenderà le redini dell’importante azienda di famiglia, è stanca di una relazione noiosa e statica con un giovane avvocato fiorentino, si troverà costretta a scontrarsi con il proprio destino, legato a uno strano orologio, che romperà il legame stabile soffocato dalla quotidianità e dalle regole effimere imposte dall’aristocrazia e la porterà a continui viaggi nel passato, in cui appassionanti storie d’amore si alterneranno a eventi misteriosi e drammatici.
 
Biografia
Sabrina Izzi
Nasce a Campobasso ma vive a Torella del Sannio. Già da bambina mostra spiccate attitudini verso l’arte, la poesia e la letteratura e, dopo aver conseguito la maturità classica, si iscrive alla facoltà di Scienze Umanistiche dell’Università degli Studi del Molise, dove frequenta il corso di Laurea in Scienze dei Beni Culturali e consegue la laurea con una tesi in Storia dell’Arte Moderna. Collabora con diversi quotidiani, non solo locali, per i quali redige articoli di cultura, attualità, ma anche di politica e cronaca. Per un periodo più o meno lungo, cura una rubrica d’arte sul quotidiano locale “I fatti del Nuovo Molise”, che va sotto il titolo “Finestre sull’arte”. Partecipa al Convegno Scientifico in occasione dei cinquant’anni dell’attività dell’Istituto Italiano dei Castelli (1964-2014), intitolato “Fortificazioni, Memoria, Paesaggio”, con un contributo notevole sotto il punto di vista della memoria culturale, in un territorio marginale e spesso dimenticato. Inizia a scrivere racconti dal 2009, quando, spinta dalla passione per l’arte e la scrittura, indaga nelle vite di quegli artisti che, pur facendo parte a pieno titolo della storia dell’arte, sono sempre rimasti nascosti al clamore pubblicitario della nostra epoca, e vi si accosta con piglio romantico, pubblicando le loro storie su diversi quotidiani locali. Nel 2015 inizia a scrivere i racconti raccolti nel suo primo libro L’ombra dei ricordi, pubblicato nel luglio del 2016.

Fonte: Mina Capussi

Aiutaci ad informarti meglio visitando il sito: www.rivistalagazzettaonline.info 
 
Ultimo aggiornamento Mercoledì 27 Dicembre 2017 00:12
 

Ultime Notizie

RC - Cerimonia Premiazione
Mercoledì 20 dicembre 2017, ore 10.00 Salone delle conferenze del Palazzo... Leggi tutto...
Cambridge - "Living with earthquakes"
L’esperienza della ricostruzione del patrimonio culturale,... Leggi tutto...
Premio Andrea Parodi 2017
UNA FESTA DI WORLD MUSIC DAL 12 AL 14 OTTOBRE A CAGLIARI Daniela Pes è stata... Leggi tutto...
Genoa Boat Show
  “Sergio Davì successfully comes back at Genoa Boat Show”... Leggi tutto...
Associazione RAW, su Campus ORA 2017
Grande fermento in casa RAW per il Campus ORA a Roccaraso ROCCARASO (L'Aquila)... Leggi tutto...

Rivista La Gazzetta

 
Edizione 41
La Gazzetta 41
 

40 | 39 | 38 | 37 | 36 | 35 | 34 | 33 | 32

31 | 30 | 29 | 28 | 27 | 26 | 25 | 24 | 23

22 |