Template Tools
Domenica, 25 Giugno 2017
Rimini, al bando Tu scendi dalle stelle PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Notizie - Cronache
Venerdì 16 Dicembre 2016 14:48

La scuola sceglie canti africani

I bambini di ben due istituti di Rimini e provincia non canteranno nei loro spettacoli natalizi il Tu scendi dalle stelle. Le scuole lo hanno elimanato per dei canti africani. Tutto per favorire l'integrazione

Gabriele Bertocchi  - ilgiornale.it

"Tu scendi dalle stelle, o Re del cielo, e vieni in una grotta al freddo e al gelo..."

Non ci saranno altre note o versi di questo tanto amato canto di Natale, che è parte della nostra cultura cristiana. Anzi, ad essere precisi non ci sarà proprio nulla. È questa la decisione presa da una scuola primaria di Rimini e in una della Provincia.

La decisione che cancella le nostre radici

E allora cosa canteranno i bambini nella tradizionali recite natalizie? Sinceramente non saprei dirvelo, e probabilmente nemmeno cantarvelo. Infatti, al posto dei classici canti di Natale ci saranno dei cori africani. Non siamo di fronte a un'opzione avanzata da qualche fan dell'integrazione. No, si tratta di una decisione presa e già messa in atto. Uno degli spettacoli di Natale interpretato dagli alunni di una primaria di Rimini è andato già in scena. Un altro è atteso il 23 dicembre.

La scelta di eliminare il canto cristiano per uno africano è arrivata all'interno di un progetto sulla fratellanza dei popoli, mirato all'integrazione di tutte le culture. Perplessità e proteste (ovviamente) sono state avanzate dai genitori degli istituti. Sabrina Saccomanni dell'Associazione Evita Peron spiega, dalle pagine di AltaRimini.it, come questa scelta rappresenti un attacco alle radici cristiane del Natale, ricordando come il 25 dicembre sia la festa per la nascita di Gesù.

La melodia bandita perché troppo cristiana

Sorge una domanda: non si poteva far cantare entrambe le melodie? No. È proprio qui che sorge l'indignazione di tutti. "Il canto - come spiega la responsabile dell'associazione Evita Peron - è stato messo al bando perché può urtare la sensibilità di bambini e genitori che appartengono a un'altra religione". "Ragionando in questo modo - prosegue la Saccomanni - fanno perdere ai nostri figli i nostri valori e le nostre tradizioni, come ad esempio il presepe".

"Ma oltre alle tradizioni, il Natale perde anche un po' di magia - aggiunge la Saccomanni- quella delle emozioni dei genitori, che con gli occhi lucidi ammirano i propri figli intonare canzoni che hanno pervaso il periodo natalizio della loro infanzia".

Il progetto intrapreso dalle scuole in questione di sicuro è fondato su buoni principi e sulla volontà di stare vicini a tutti gli studenti, cristiani e non. Ma la lezione che dà è errata. Infatti eliminando i canti cristiani si cancellano quelle che sono le nostre radice e la nostra cultura. Così facendo il progetto viene invalidato: con la disintegrazione delle tradizione non può esserci integrazione ma solo prevaricazione.
 
Aiutaci a informarti meglio visitando il sito: www.rivista.lagazzettaonline.info

Ultimo aggiornamento Venerdì 16 Dicembre 2016 17:39
 

Ultime Notizie

ZUIKI a Venezia
11 maggio 2017   Domenica 14 maggio nuova apertura per il brand di moda... Leggi tutto...
Porta News
Roma, 30 marzo 2017 - Ufficio Stampa On. Fabio Porta   PORTA (PD):... Leggi tutto...
RAI - programmazione del 19 al 26 marzo
Per contattare Rai Italia scrivete a: [email protected]   COMMUNITY... Leggi tutto...
Fu dono nel 1936 del Vescovo dell'Aquila Manuelli a Benito Mussolini
Dono a Mussolini UNA COPIA DELLA MADONNA DEL POPOLO AQUILANO ORNA ANCORA LA... Leggi tutto...
GIORNATA MONDIALE DEI DIRITTI DELL’UOMO – 10 DICEMBRE
Concetta Mirisola, Direttore Generale INMP Istituto Nazionale Salute Migrazioni... Leggi tutto...

Rivista La Gazzetta

 
Edizione 41
La Gazzetta 41
 

40 | 39 | 38 | 37 | 36 | 35 | 34 | 33 | 32

31 | 30 | 29 | 28 | 27 | 26 | 25 | 24 | 23

22 |