Template Tools
Giovedì, 17 Agosto 2017
Forte terremoto in Centro Italia, morti e feriti PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Notizie - Italia
Mercoledì 24 Agosto 2016 05:52

Sisma di 6.0 con epicentro nel Reatino: in molti sotto le macerie. Il sindaco di Amatrice: "Il Paese non c'è più"

Chiara Sarra  - ilgiornale.it

La terra trema ancora da Rimini a Napoli. Un sisma di magnitudo 6.0 e una profondità di 4 km e con epicentro ad Accumoli (Rieti), ha scosso tutto il Centro Italia alle 3.36 della scorsa notte. Poi uno sciame sismico, che continua a far paura e a rendere difficoltosi i soccorsi.
Ancora una volta dopo il terremoto de L'Aquila e quello dell'Emilia si torna a morire di terremoto. Diversi i morti nei crolli a Petrana di palazzi in tutta la zona coinvolta. Molti - tra cui diversi bambini - sono ancora bloccati sotto le macerie.

"Qui è un dramma vero, sono nel mezzo di un paese che non c'è più", dice disperato Sergio Pirozzi, il sindaco di Amatrice (Rieti), "Ci sono stati crolli. La popolazione è in strada e stiamo portando tutti verso la zona di evacuazione, quella dei campi sportivi. Siamo senza luce ci sono anche problemi sulle vie di accesso al paese". Stessa situazione a Illica, frazione di Accumoli. "Illica non c'è più", racconta su Facebook Sabrina Fantauzzi, giornalista romana in vacanza, "Eravamo circa 300 persone, tutti romani, in villeggiatura. Siamo rimasti in 30. Ancora nessuno è venuto a soccorrerci". Poi, dopo un'oretta dalla scossa ha aggiunto: "Ci sono 4 soccorritori, prendono feriti ma non stanno intervenendo sulle case distrutte con dentro gente morente".

I comuni più colpiti sono Amatrice, Accumuli e Posta, nel reatino, e Arquata del Tronto, in provincia di Ascoli Piceno. In totale sarebbero già 21 i morti, ma un centinaio di persone sono ancora disperse. Due vittime sono state estratte ad Amatrice, tre a Pescara del Tronto, frazione di Arquata. Nel Comune di Accumoli c'è almeno una vittima, e una famiglia di quattro persone - due bambini piccoli e i loro genitori - è sotto le macerie e non dà segni di vita.

La Protezione civile ha diffuso i numeri da chiamare in caso di emergenza: contact center della Protezione civile nazionale: 800840840; sala operativa della protezione civile Lazio: 803555. Lanciato anche l'appello a donare il sangue: l'Avis provinciale di Rieti invita a recarsi all'ospedale San Camillo de Lellis della città.

"Si è trattato di un terremoto di magnitudo importante, che ha prodotto uno scuotimento rilevante, di valore paragonabile a quello dell'Aquila", ha detto il capo del dipartimento della Protezione civile, Fabrizio Curcio, "L'Aquila è un capoluogo di regione, qui la popolazione è più diffusa quindi è possibile un impatto meno gravoso in termini di vite umane".

Aiutaci a informarti meglio visitando il sito: www.rivista.lagazzettaonline.info

 

Ultimo aggiornamento Mercoledì 24 Agosto 2016 06:07
 

Ultime Notizie

Basta autovelox selvaggi
"Segnalati o la multa è annullabile" Le raccomandazioni del Viminale... Leggi tutto...
Porta in Calabria
 Roma, 7.8.17 PORTA (PD) IN CALABRIA AL “FESTIVAL DELLE... Leggi tutto...
Fincantieri, Calenda a Macron: "L'Italia non arretra di un millimetro"
Continua il braccio di ferro tra Parigi e Roma. Martedì nuovo faccia a faccia.... Leggi tutto...
"La città di Napoli è l'inferno"
E il Sun la paragona a Raqqa Omicidi, spaccio di droga e bande di malavitose. E... Leggi tutto...
Virginia Raggi sentita dai PM
Virginia Raggi in procura per dichiarazioni spontanee sulle nomine Il sindaco... Leggi tutto...

Rivista La Gazzetta

 
Edizione 41
La Gazzetta 41
 

40 | 39 | 38 | 37 | 36 | 35 | 34 | 33 | 32

31 | 30 | 29 | 28 | 27 | 26 | 25 | 24 | 23

22 |